+39 091 206683
+39 06 3331864
+39 0923 933064

Peeling chimici

Peeling (dall’inglese to peel) significa rimozione rapida e controllata dei piani esterni del rivestimento cutaneo, mediante l’applicazione locale di sostanze in grado di scindere i legami che tengono unite le cellule (cheratolisi). Nelle pelli invecchiate e “stanche” si determina un rallentamento del ricambio delle cellule dell’epidermide, con incremento relativo dello spessore dello strato corneo. La cute assume un aspetto opaco, grigiastro, perde di elasticità e diviene scabrosa al tatto, mentre il diseguale accumulo di melanina si esprime con la comparsa di macchie.
Nella compagine più profonda (derma) le cellule specializzate (fibroblasti) riducono l’attività di sintesi delle componenti extracellulari (glucosaminoglicani, collagene ed elastina).
I peelings superficiali e medio-superficiali (soft-peelings), attraverso la rimozione dello strato corneo, rendono immediatamente più luminosa la superficie cutanea, che acquisisce anche una maggior levigatezza e una consistenza più elastica. Gli elementi proliferanti sono costretti ad incrementare la velocità del ricambio, mentre la rimozione dei depositi intracellulari di pigmento schiarisce il colorito ed attenua le macchie.